giovedì 12 aprile 2018

RECENSIONE: NASCOSTI DAL MONDO di J. W. Kilhey


Titolo: Nascosti dal mondo
Titolo originale: Hidden Away

Autore: J. W. Kilhey
Traduttrice: Barbara Cinelli

ISBN: 978-88-9312-026-5
Genere: Storico





Franklin D. Roosevelt ha detto: “Nessun uomo e nessuna forza possono abolire la memoria.”

John Oakes e Kurt Fournier sono la prova vivente della verità dietro quelle parole. Sin dai tempi degli orrori della Seconda Guerra Mondiale, John e Kurt hanno arrancato per portare avanti le loro esistenze, sanguinando da ferite che non sono mai guarite. Ora si ritrovano nel 1950: la guerra può essere finita, ma la battaglia per trovare la pace è appena iniziata.
John, dottorando alla UC Berkeley e veterano, fluttua attraverso la vita del dopoguerra fino a quando coglie il misterioso Kurt a suonare di nascosto un pianoforte all’università. John pensa di poter trovare un po’ di conforto in compagnia di Kurt ma non sa come creare una connessione con quell’uomo che vive una vita di prudente solitudine. Senso di colpa e rammarico minacciano di invalidare le loro speranze di avere una vita normale. Nessun uomo è un’isola, quindi John e Kurt devono mettere a rischio il loro cuore per trovare la felicità. Sfortunatamente, i ricordi e le paure possono paralizzare anche la persona più forte.



Sono passati tanti mesi dalla lettura di questo libro e non l'avevo ancora recensito perché è uno di quei pochi libri che ti lasciano senza parole, e qualsiasi cosa tu possa scrivere non renderebbe giustizia alla storia e alle emozioni che ti fa provare. 
Nascosti dal mondo è intenso, drammatico. Credo di averci messo almeno tre mesi a leggerlo. Ogni pagina era un colpo al cuore. Allora lo chiudevo e dopo qualche giorno lo riaprivo e rileggevo tutto da capo. Mi ha fatto vedere l'olocausto in una prospettiva nuova, rivelandomi pezzi di storia che non conoscevo. Ancora adesso fatico a esprimere le emozioni che mi ha trasmesso. 
Una grande storia, con personaggi incredibili che ami oppure odi, senza mezze misure. 
Se al termine storia associamo la parola testimonianza, allora questa storia dovrebbe essere nei libri che ci fanno studiare a scuola. I Triangoli Rosa, nascosti dal mondo e dalla storia.
Non credo che mi serva aggiungere altro, se non che Nascosti dal mondo è un libro che bisogna leggere.
Indimenticabile.
"Un giorno le cose saranno diverse. La gente si guarderà indietro e si chiederà come la società ha potuto..."
"La storia  ci dimenticherà." ... "L'ha già fatto. Guardo i libri nella biblioteca universitaria. Ce ne sono già centinaia sui conflitti con i nazisti ma nessuno sugli omosessuali. Nessuno parla di noi. Siamo già stati dimenticati perché la società preferisce non affrontare ciò che non capisce. Qualcosa che sceglie di non capire. È più facile soffocarlo, controllarlo e ucciderlo."

Non è il lavoro che ci rende liberi. È la conoscenza (J.W. Kilhey)
 

Nessun commento:

Posta un commento