domenica 12 marzo 2017

Recensione: La Parte Sospesa Del Cuore di Emiliano Di Meo



TITOLO: La Parte Sospesa Del Cuore

AUTORE: Emiliano Di Meo

PUBBLICAZIONE: 14 settembre 2016

VOTO: 5 STELLE



TRAMA


La voce narrante è quella di Javier, un concittadino e vicino di casa di Juan Carlos e Armando che per anni, per una vita intera, osserva da lontano e silenziosamente i due uomini. Due amici, ognuno con la rispettiva famiglia, che sembrano nascondere un legame più intimo di quello che mostrano in pubblico. 
La vicenda è ambientata in un piccolo paese sperduto del Sud America e i protagonisti sono il riservato Juan Carlos, insegnante di scuola elementare dalla pelle bianca, uomo che agli occhi di tutti conduce una vita morigerata, riflessivo e taciturno, e Armando, medico dalla pelle nera come l’ebano, impegnato nel sociale e professionista stimato che gode dell’affetto di tutti i suoi concittadini.
I due amici sono stati segretamente amanti durante la loro giovinezza, è un loro vecchio compagno di studi a raccontarlo alla voce narrante. Voce di un uomo che inizia a studiarli. Nota che, molto spesso, dove si trova l’uno si trova anche l’altro ed inizia a seguirli fino a lasciarsi prendere completamente la mano. Javier si farà spettatore della loro vita, prenderà nota dei loro spostamenti, ascolterà le loro conversazioni scoprendo così che i due continuano ad incontrarsi privatamente.
Desidera a tal punto venire a conoscenza del segreto che custodiscono che si insinuerà inosservato nella loro quotidianità svelandoci i retroscena di due vite che, agli occhi di tutti, sembravano prive di ombre.

RECENSIONE


Un racconto insolito, poetico e struggente. La storia di un amore impossibile, eppure reale, al di là delle convenzioni e della logica. Un amore a suo modo indissolubile ed eterno. 
E' la storia di Armando e Juan Carlos, raccontata attraverso gli occhi di Javier, spettatore inosservato del loro amore. Gli occhi di Javier sono come una cinepresa e ho avuto la sensazione di guardare un film, più che di leggere un libro. 
Armando e Juan Carlos vivono in un'epoca e in un luogo dove ancora vigono regole e pregiudizi che sarebbero un ostacolo al loro amore e alla loro vita. 
Il bel Armando dalla pelle scura come l'ebano, diventa un rispettabile medico, marito e padre.
Il bel Juan Carlos, dalla pelle bianca, diventa un rispettabile insegnante, marito e padre. 
Le loro vite e il loro amore sono così, come la loro pelle, in bianco e nero, un vivere a metà tra la luce (la loro vita di uomini rispettabili) e l'ombra (il loro amore, la loro passione segreta e proibita.)
La narrazione è delicata e poetica. Devo fare i miei complimenti a Emiliano Di Meo perché è riuscito a non far apparire i due protagonisti come due perversi fedifraghi e a non far sembrare Javier come uno squallido, morboso voyeur. 
Gli occhi di Javier, invece, filmano e testimoniano una grande storia d'amore.
In tutti gli anni in cui i due amanti si ritrovano in segreto in quella piccola stanza d'albergo, si ameranno, faranno scelte dolorose, vivranno in sospeso tra dubbi e certezze, gioia e tristezza, tra giusto e sbagliato... in bianco e nero.
Il finale mi ha sorpresa, inaspettato e struggente.
Credo che La Parte Sospesa del Cuore sveli l'anima di questo autore: sensibile, poetica, delicata, eppure coraggiosa. 
La mia recensione non potrà mai rendere giustizia a questo bellissimo libro che mi ha regalato emozioni vere. 
Quindi il mio consiglio migliore è di leggerlo!

Nessun commento:

Posta un commento